La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Stanziati ulteriori 150mln di euro per “#Fabbricaintelligente”, “#Agrifood” e “Scienze della vita” https://t.co/ilDXVNOUTe
G+D Mobile Security Presents Solutions for Secure Identity Management at Mobile World Congress 2019… https://t.co/3FtpKUSwTc

L’Australia ha avviato un’importante strategia di investimento nel settore dello spazio. Il Sud Australia si conferma lo Stato in cui si va concentrando il massimo sforzo del Paese in questo comparto. E' infatti di poche settimane l'annuncio che la sede dell'Agenzia Spaziale Australiana (ASA) sara' Adelaide, nello stato del Sud Australia.

Il Ministro dell'Industria, Scienza e Tecnologia, Karen Andrews, ha tuttavia incaricato l'Agenzia spaziale australiana di continuare a impegnarsi con tutti gli Stati e territori e di analizzare le opportunita' di investimento in tutta la nazione, riconoscendo che il successo dell'ASA dipendera' da un solido impegno nazionale e internazionale e dalla creazione di partnership globali che aprano le porte ai ricercatori e all'industria spaziale. La dimensione del mercato australiano nel campo dello spazio e' stimata attorno a 2,5 miliardi di euro (0.8% del valore complessivo mondiale) e impiega circa 11.500 persone. Nel suo Business plan, l'ASA prevede la triplicazione del budget entro il 2030 e un incremento dell'occupazione fino a circa 20.000 persone.

Oltre agli investimenti dell'ASA, il CSIRO, agenzia scientifica nazionale australiana corrispondente per organizzazione interna al nostro CNR, sta investendo circa 22 milioni di euro nella ricerca "di frontiera" nel campo della tecnologia spaziale e dell'intelligenza artificiale (AI).

Il Governo del Sud Australia ha inoltre avviato un progetto pilota per istituire un nuovo tipo di visto, StartUp, dedicato agli imprenditori stranieri e agli investitori con un'idea innovativa e un piano imprenditoriale che cercano di stabilire un business nello Stato. Questo nuovo visto non richiedera' alcun esborso finanziario obbligatorio e il candidato dovra' solo dimostrare la conoscenza della lingua inglese professionale. Le proposte dei candidati saranno esaminate dallo Stato o dal governo federale e coloro che stabiliranno con successo la propria impresa commerciale in Australia potranno richiedere la residenza permanente. (https://www.migration.sa.gov.au/news-events/news-releases/2589).

Attualmente il Sud Australia e' l'unico Stato della Federazione ad aver elaborato e pubblicato una propria strategia per innovazione spaziale e crescita, con un action Plan fino al 2020 (https://www.sasic.sa.gov.au/docs/default-source/default-document-library/sasic-action-plan.pdf). (Farnesina)

 

 

 

 

 

EN IT